Il punto sulla ventesima giornata della Super League svizzera 2021-’22

36

La ventesima giornata della massima divisione elvetica ha visto l’ennesima vittoria della capolista Zurigo, che aggiudicandosi per 3-1 il derby esterno col Grasshopper ha incrementato il suo margine sulle inseguitrici Basilea e Young Boys, ambedue fermate sul 3-3 (i basilesi in casa dal Sion, i bernesi a San Gallo) e rispettivamente seconda e terza (a -9 e -10 dalla vetta).

Ridono, invece, Servette Ginevra e Lugano, entrambi vittoriosi in casa: i ginevrini per 1-0 col Losanna, i ticinesi per 2-1 col “fanalino di coda” Lucerna.

Le reti luganesi portano le firme di Numa Lavanchy al 20′ e di Maren Haile-Selassie all’83’, a render vana la prodezza di Mohamed Drager, che al 46′ del primo tempo aveva impattato per gli ospiti.

I tre punti consentono alle “V del Ceresio” di rilanciarsi nella corsa alla qualificazione europea (per la precisione alla Conference League): approdo europeo che potrebbe essere raggiunto anche mediante la Coppa di Svizzera, che vedrà i ticinesi impegnati giovedì 10 febbraio sul campo del Thun, nella gara secca dei quarti di finale.

Fondato nel 1908, il Lugano vanta un palmarès composto da tre “scudetti” elvetici (1937-’38, 1940-’41 e 1948-’49), tre Coppe di Svizzera (1930-’31, 1967-’68 e 1992-’93) e l’edizione 1967 della Coppa Intertoto: questi allori rendono i bianconeri la più titolata compagine della Svizzera Italiana (che comprende il Canton Ticino e parte del Cantone dei Grigioni).

Questa la classifica della massima divisione elvetica dopo venti giornate: Zurigo 46 punti; Basilea 37; Young Boys Berna 36; Lugano 33; Servette Ginevra 28; Sion 25; Grasshopper Zurigo 23; San Gallo 20; Losanna 12; Lucerna 11.

Giuseppe Livraghi