Bebe Vio non finisce di stupire, vinto l’oro mondiale ai campionati paraolimpici.

32

Ancora oro, l’ennesimo di una straordinaria, anche se ancor giovane, carriera. A metterselo al colo è Bebe Vio a cui non basta l’alloro di Rio2016, un palmares da autentica fuoriclasse con i successi alle olimpiadi, ai campionati mondiali e europei per farla fermare. Semplicemente Bebe, Beatrice Maria Adelaide Marzia Vio, all’Hilton Rome Airport di Roma Fiumicino, per la seconda giornata di gare dei Mondiali di scherma paraolimpica. «Ho vissuto un’ansia incredibile in questi giorni. La medaglia più grande è stata proprio superare e gestire la tensione . Non volevo abdicare dopo Rio e quindi ce l’ho messa tutta. Dall’estate mi sono chiusa in palestra tutti i giorni ad allenarmi, rinunciando a tutto: ora provo una gioia immensa».

La medaglia della 20nne arriva dopo aver vinto tutti i match del proprio girone, ha superato ai quarti la georgiana Irma Khetsuriani 15-5, in semifinale è poi giunta la vittoria per 15-1 sulla russa Irina Mishurova, prima della finalissima in cui Bebe ha travolto l’altra russa Viktoria Boykova col punteggio di 15-3.

«È stato bello, bellissimo – aggiunge Bebe – sono contenta, contentissima, anche se non posso brindare, anche perché so quanto mi è costato in termini di allenamento e duro lavoro. In questi il mio peggior incubo era sentire `tanto vinci´, insomma la pressione c’era e vincere dopo un’Olimpiade è stata davvero dura, ma sono felice per come è andata», chiude la campionessa che svela un piccolo retroscena: «Jovanotti mi ha mandato il suo nuovo inedito e in questi giorni l’ho ascoltato e canticchiato mille volte, anche durante le gare. Lorenzo quando me l’ha mandato mi ha detto «ohi, mi raccomando, non farlo ascoltare a nessuno. Quella canzone è stata importante per me e mi ha aiutato molto”.

Commenti

commenti