19 marzo 2020

8

Papà, chi sa cosa penseresti se fossi qui oggi di questo virus terribile che ci ha presi in ostaggio nelle nostre case, del senso di impotenza che ci attanaglia tutti e ci accomuna, poveri e ricchi, bianchi e neri, atei e credenti.
Chi sa che penseresti di me che con coraggio sorrido, piccolo eroe dei miei figli, per non mettere in loro paura, che quando torno vedo brillare gli occhi di felicità, pur guardando con sospetto i guanti e la mascherina.
Padre, solo tu puoi vedere in silenzio le volte che ti domando: tu che faresti? E la risposta devo cercarla negli angoli remoti del mio cuore