PILLOLA DI MUSICA di Alessandra Fusco

6

PILLOLA DI MUSICA 🎶:
O AMICI, NON QUESTI SUONI! MA INTONIAMONE ALTRI PIU’ PIACEVOLI, E PIU’ GIOIOSI

Il 9 maggio si festeggia il compleanno di una signora un po’ avanti con l’età, ed anche con qualche acciacco, ma con una vitalità sorprendente, e che attende soltanto di poter essere guidata verso destinazioni degne del suo nome.
Quest’anno ha compiuto 74 anni e, felice come una bambina, con il suo vestito blu con stelline color oro, ha spento le sue candeline sotto le note dell’Inno alla Gioia di Ludwig van Beethoven.
Cari lettori, ieri si celebrava l’Unione europea, giornata che rappresenta la posa della prima pietra di questa grande casa, in ricordo di quel 9 maggio 1950 quando il Ministro degli Esteri francese, Roberto Schuman, dinanzi ai vertici dei governi degli Stati europei, presentava il piano di cooperazione economica, ritenendo detta cooperazione indispensabile ai fini del mantenimento della pace, e che segnava l’inizio del processo d’integrazione europea e il cammino verso l’unità d’Europa.
Nel 1985, il Consiglio d’Europa scelse, come inno ufficiale, il noto brano di Beethoven “Inno alla Gioia”, tratto dalla Nona Sinfonia, capolavoro indiscusso del maestro.
In particolare, l’Inno alla Gioia musica l’omonima ode in lingua tedesca di Friedrich von Schiller, scritta nel 1785, che rappresenta un manifesto per la pace e la fratellanza.
Tuttavia, il Consiglio europeo, con lungimiranza, scelse di non includere i testi originali, ma di lasciare soltanto la melodia, per evitare di privilegiare la lingua tedesca a scapito di tutte le altre, ricordando che la musica ha comunque un linguaggio universale.
Dal 2003, l’Inno alla Gioia, insieme all’intera Sinfonia n. 9 di Beethoven, è entrato a far parte del patrimonio culturale mondiale dell’UNESCO.
E questa sera lo ascoltiamo in una versione flashmob del 2012, eseguita in Spagna: https://www.youtube.com/watch?v=GBaHPND2QJg

Alessandra Fusco

Nelle immagini sottostanti, a sinistra la bandiera europea è a destra i testi in italiano della poesia di Schiller e del brano di Beethoven.