Yves Saint Laurent

Yves Saint Laurent è nato in Algeria ed ha ereditato la passione per la moda dalla madre. Come tutti i ragazzini riservati sta molto per conto suo, in compagnia della sua sempre più brillante immaginazione. A 17 anni partecipa alla competizione lanciata Secrétariat international de la laine, dove arriva al terzo posto. Incoraggiato dai primi successi, Yves si trasferisce nel 1954 in un appartamento di Parigi. I primi frutti del suo totale impegno arrivano quello stesso anno, quando partecipa nuovamente alla competizione del Secrétariat e vince il primo pieno nella categoria abiti. Grazie ai suoi lavori, Yves conosce Michel de Brunhoff, redattore di Vogue, che lo presenta allo stilista più leggendario dell’epoca, Christian Dior. Tra i due nasce una bella intesa, quella che si instaura tra menti affini che hanno molto da condividere. Per questo, dal 1955, Dior lo vuole come suo assistente. Due anni dopo, l’idillio si spezza. È l’ottobre del 1957 e Christian Dior muore improvvisamente. Yves non ha neanche vent’anni. Eppure le indicazioni lasciate dal suo maestro sono chiare: deve essere lui il suo successore a capo della Maison. Il suo incarico diventa effettivo già un mese dopo, per preparare la collezione che sfilerà a gennaio 1958. La collezione firmata da Yves per Dior quell’inverno segna una spaccatura netta rispetto al suo predecessore. Dior aveva fatto la storia per aver disegnato il corpo femminile rifacendosi a schemi già visti.  Yves, invece, quello stesso corpo lo vuole liberare dalla costrizione del punto vita o dell’aderenza dei tessuti, puntando invece su forme fluide, comode e vagheggianti: la famosa “linea a trapezio”. Un anno iniziato in modo così speciale non può che essere decisivo per Yves. Proprio poco dopo, infatti, conoscerà il grande amore della sua vita, Pierre Bergé. A lui rimarrà legato per tutta la vita, insieme vivranno, lavoreranno e collezioneranno libri e arte. Dopo Dior, Yves realizza finalmente il suo sogno nel cassetto: aprire una sua Maison di haute couture. Nel gennaio del 1962 presenta la sua “vera e propria” primissima collezione. Riferimenti al guardaroba maschile trasposti sul corpo femminile: questa è la sua chiave di lettura della moda firmata YSL. Forte di un affetto vivissimo nei confronti dell’arte e della letteratura, Yves Saint Laurent non mancherà poi di associare alle citazioni maschili anche raffinati richiami intellettuali, omaggiando artisti, scrittori e intellettuali. Il brand è noto in tutto il mondo non solo per quanto riguarda il mondo della moda ma anche per i prodotti di make up e profumi. Un esempio? Touche éclat è campione di incassi dal 1992, ma si può pensare anche al profumo Libre YSL, ispirato alla sensualità ed alla libertà. E’ stato realizzato nel 2014 un film intitolato “Yves Saint Laurent”. Di genere drammatico/biografico, il film racconta come lo stilista, nonostante le incertezze e le paure, sia riuscito a trasformare e innovare radicalmente il mondo della moda, diventando lui stesso un’icona del XX secolo.