Claudio e Diana intervistano Simona Atzori

58

Ballerina e pittrice, ma soprattutto, donna eccezionale che ha fatto della sua diversità il suo punto di forza.

La disabilità è negli occhi di chi ci guarda e mai è più vero, come nel caso di Simona, che ha sempre creduto di poter fare tutto ciò che desiderava, anche quando tutti la guardavano sgomenti.

“Non c’è nulla che non possa essere fatto, basta trovare il modo giusto per farlo. Io tengo il microfono con i piedi, altri con le mani, altri ancora lo tengono sull’asta. Sta a noi trovare il modo giusto per noi. Io credo nella legge dell’attrazione: quello che dai ricevi. Se trasmetti amore, attenzione, serenità, se guardi alla vita con uno sguardo costruttivo, se scegli di essere attento agli altri e al loro benessere, se conservi le cose che ami e lasci scivolare via quelle negative, la vita ti sorriderà.”

Parlare con lei dà una carica di energia, positività, entusiasmo incredibili, sulle sue labbra non manca mai il sorriso, l’ironia è parte di lei, il suo corpo racchiude una bellezza smisurata.

“Mentre mia madre moriva, io piano piano perdevo, insieme a lei, anche le braccia e le mani che mi sostenevano e mi accompagnavano ovunque.”

La morte di un genitore segna per tutti un momento di passaggio e lascia un senso di vuoto. A maggior ragione nel caso di Simona Atzori, ballerina e pittrice nata senza le braccia.

“Il mio compito era capire che un altro modo sarebbe stato possibile, e dimostrarglielo. Adesso mi manca disperatamente raccontarle le cose. Se non lo faccio, è come se non mi succedessero realmente. Così, le ho scritte e le ho scritte proprio a lei per dirle come sono passata attraverso il mio dolore, cercando di essere all’altezza del suo esempio”.

Vi aspettiamo mercoledì 19 aprile alle 19:00 su Italy Web Radio con Ritorno al Futuro di Claudio e Diana per condividere con tutti voi questa intervista speciale!

 

Commenti

commenti