Claudio e Diana intervistano Dodi Battaglia dei Pooh

66

Musica e parole, per la nostra prima intervista.

Protagonista Dodi Battaglia al Teatro di Ateneo dell’Università degli Studi di Salerno. Il Rettore Unisa Prof. Aurelio Tommassetti ha introdotto la serata, organizzata da Davimedia. Dodi si è raccontato al Prof. Mario Monteleone, docente di scienze della comunicazione e al Dott. Roberto Vargiu, direttore artistico e organizzativo Davimedia. In una sala gremita di un pubblico attento e partecipativo, Dodi ha coinvolto tutti con le sue parole e la sua musica. Più volte insignito miglior chitarrista d’ Europa, ci tiene a precisare che è “il miglior chitarrista dei Pooh”. Tante le sue collaborazioni con Artisti prestigiosissimi italiani e non, sua la chitarra in uno dei più bei Cd di Vasco Rossi “Va bene, va bene così”. Indimenticabile la chitarra introduttiva in “Una canzone per te”.

Il rapporto con i Pooh, il legame strettissimo, più che amichevole che c’era con Valerio Negrini, la passione per il suo lavoro, i suoi progetti futuri hanno tenuto incollati alle poltrone tutti i presenti, pronti a saltare in piedi alla fine di ogni sua esibizione musicale. Una chiacchierata che è stata anche una lezione musicale in cui ha trasmesso il suo amore incondizionato per la musica che dura da 60 anni.

Tutt’altro che pago della sua brillante carriera, è pronto a ripartire con un nuovo tour in compagnia di un gruppo di giovani musicisti Durante l’incontro ha parlato della fortuna che si ha di poter vivere di musica, che ha definito il lavoro più bello del mondo, del fatto che un musicista che si Diploma al Conservatorio dopo anni di studio, non ha come massima aspirazione quella di insegnare in un paesino( con tutto il rispetto per il lavoro di insegnante e del paesino, ha tenuto a sottolineare….), ma quella di esibirsi per un pubblico che ascolti. Il bagno di folla, il contatto con il pubblico e perfino le sagre di paese sono le serate che Dodi ha detto di amare di più, quelle in cui il contatto con il pubblico è tangibile. Il brano conclusivo è stato Parsifal, suonato con una maestria ed un livello di precisione musicale altissimi. Nonostante l’incontro si sia prolungato più del previsto, ha voluto accogliere qualche domanda dal pubblico e si è trattenuto a firmare autografi, autografare chitarre, regalare plettri, fare selfie e foto, senza risparmiarsi, insomma un Artista che ha fatto sentire la sua umanità. Un ringraziamento speciale al Dottore Vargiu per la varietà e il livello altissimo degli incontri che organizza e a Davimedia, un progetto culturale che rappresenta una realtà bellissima della Campania, del Sud, dell’Italia, come ha tenuto a sottolineare anche Dodi.

L’intervista completa andrà in onda mercoledì 15 marzo nella seconda puntata di Ritorno al Futuro su Italy Web Radio.

 

Commenti

commenti