L’amore, tra passato e presente

Guido Cavalcanti nacque nel 1256 da una delle famiglie più ricche e potenti di parte bianca, partecipò attivamente alla vita politica di Firenze, divenendo non solo tra i firmatari della pace tra Guelfi e Ghibellini ma sedette anche al consiglio generale del comune. Guido Cavalcanti fu tra i maggiori esponenti dello Stilnovismo, espressione poetica del 200. Della sua opera conosciamo 52 componimenti tra ballate e sonetti, ma la sua attività dovette essere più fervida sia qualitativamente che quantitativamente, visti gli elogi con cui è ricordato da Giovanni Bocaccio e Dante Alighieri che, oltre ad essere sostenitore della sua poesia fu anche un suo carissimo amico.  Alla fine del 1300 venne costretto all’esilio a Sarzana. Qui si ammalò di malaria e, a causa delle pessime condizioni di salute morì nell’agosto del 1300.                                                                                                      Il Dolce Stil novo è un importante movimento poetico italiano sviluppatosi tra il 1280 e il 1320 inizialmente a Bologna con Guido Guinizelli ma poi spostatosi a Firenze, dove si sviluppò maggiormente. Influenzerà la poesia italiana fino a Francesco Petrarca. Nascono le rime nuove, una poesia che non ha più al centro soltanto la sofferenza dell’amante, ma anche le sue doti spirituali.  A confronto con le tendenze precedenti, come la scuola di Guittone D’arezzo, la poetica stilnovistica acquista un carattere qualitativo e intelettuale di metafore e simboli. Un esempio è la poesia di Guido Cavalcanti                                          ” Voi che per gli occhi mi passasse il core”, che recita:

Voi che per li occhi mi passate l’core                                                                               E destate la mente che dormia                                                                                       Guardate a l’angosciosa vita mia,                                                                                   E vèn tagliando si gran valore                                                                                         Che deboletti spiriti van via                                                                                             Riman figura sol en segnorina                                                                                         E voce alquanta, che parla dolore                                                                                     Questa vertù d’amor che m’ha disfatto                                                                             Da vost’ occhi gentili presta si mosse                                                                               Un dardo mi gittò dentro dal fianco                                                                                 Si giunse ritto l’colpo al primo tratto                                                                                 Che l’anima tremando si riscosse                                                                                     Veggendo morto l’core nel lato manco.                                                                             La poesia fu poi inserita nelle Rime del poeta toscano, publicate però in un unico volume.   Nella prima strofa descrive il processo di innamoramento, attraverso l’immagine, il ricordo. Il poeta si riferisce alla donna dicendole che ai suoi sguardi gli ha trafitto il cuore e risvegliato l’immaginazione dormiente. Le invita a vedere che vita angosciosa gli ha procurato. L’amore distrugge la vita a forza di sospiri.                                                      Gli occhi sono un tema ricorrente anche nella terza e quarta strofa in cui prima si riferiva a quelli del poeta, mentre adesso a quelli della donna. Il poeta dice alla donna le virtù dell’amore che lo ha diretto al primo tiro che l’anima si risvegliò remando vedendo il cuore, nel lato sinistro, colpito a morte. Il poeta si innamora della donna gentile, che non provoca in lui soltanto il piacere dellamore votato alla lode di una signora degna dei più grandi servigi: l’amore pone nel cuore dell’ amante una tristezza profonda, che assume talvolta la profondità drammatica del dolore. Il poeta scrive che, assalito dall’amore, si sente privo di ogni forma di spirito vitale, come un corpo abbandonato che debolmente parla.                  Come nella poesia di Cavalcanti, anche nella musica contemporanea moltissimi artisti fanno rifermento allo sguardo della persona amata come nel caso dei Pinguini Tattici nucleari. Essi sono un gruppo formatosi nel 2010 in provincia di Bergamo. ll gruppo raggiunge il successo mediatico nel 2020 con la partecipazione al settantesimo festival di Sanremo, concorrendo con il brano Ringo Star, classificandosi al terzo posto. In questa canzone troviamo un sacco di frasi in cui sono protagonisti gli occhi dell’amata come ad esempio  “Occhi diversi tutte le sere, ma sempre il solito vecchio sorriso”, oppure “belli i tuoi occhi verdi, si ma non ci vivrei” da qui possiamo intendere che la storia d’amore tra i due ragazzi sia decisamente tormentata e lei ormai, annoiata dalla vita, metta una sorta di maschera diversa ogni sera identificata in quelli che sono gli occhi.  Un altro cantante che possiamo citare è Frah Quintale, pseudonimo di Francesco Servidei, nato a Brescia nel 1989, si appassiona alla musica nel 2004, a quindici anni, per poi iniziare il suo percorso musicale nel 2006. Nel 2016, dopo aver lasciato il duo, pubblica la sua prima canzone da solista Colpa del vino. Esce poi 2% con una collaborazione con Guè Pequeno.                               Nella canzone Gli occhi di Frah Quintale  parla di una storia di amore che si è conclusa in malo modo, ma elogia l’amata con frasi “Tu hai gli occhi molto più grandi della fame” ma poi continua parlando dei suo occhi “Ho gli occhi molto più ciechi del cuore”.                      Come ultimo cantante troviamo Tiziano Ferro. Nel corso della sua carriera ha venduto circa 15 milioni di copie nel mondo prevalentemente in America Latina e Europa, cantando oltre che in italiano, anche in spagnolo, francese, inglese e portoghese. Anche’egli in una sua canzone parla degli occhi “Hai delle isole negli occhi”