LA MUSICA PER REAGIRE secondo me……

45

Non riesco, infatti, ad immaginare un’esistenza senza musica, senza una “colonna sonora” che accompagni la giornata, che dia stimoli per andare avanti, per reagire fermarsi o riflettere. La musica in tutte le sue forme è un importante e “potente” mezzo per esternare ogni sfumatura dei propri sentimenti o stati d’animo, per condividere, catalizzare e socializzare. Credo che queste proprietà la musica le possegga perché, anche nei suoni primordiali ed inarticolati, sia da sempre presente nella storia dell’umanità. E forse addirittura prima. Quando il nostro pianeta era appena nato, la musica era nella natura: il canto degli uccelli, il susseguirsi regolare e continuo del giorno e della notte, la grande armonia dell’universo che governava ogni cosa.  Il suono delle note (di qualsiasi gusto siano) aiuta a distrarsi e a recuperare le forze per affrontare al meglio la propria quotidianità ed anche come ausilio per riordinare idee e pensieri. La musica può anche infondere coraggio a chi si sente triste o esaltare un momento di particolare gioia. Molto spesso la persona malinconica si rispecchia nelle note che ascolta e da esse trae lo stimolo a reagire e a soffocare la tristezza, mentre chi è felice, canta a squarciagola quei pezzi musicali che più si addicono alla gioia provata. La musica, quindi, può essere d’aiuto ad affrontare problemi oppure sottolineare e palesare la felicità che si sente dentro. Senza chiedere nulla in cambio. La musica, volendo è in ogni cosa e dovunque, diventa, nostra amica, confidente sicura e ottimo consigliere. La musica, dunque, è un linguaggio che può arrivare a tutti e parlare anche in nostra vece.