Perry Frank Làcanas Sonus et Umbras de Sardigna

369

E se il cuore della Sardegna proviene dalla Barbagia, è confermato che il suo battito irradia d’eco proprio la Matriarcale Terra Sarda in ogni dove.

Colpevole di Selvaggia Bellezza e di siti ricchi di storia e tradizione, abbandonati, è di straordinario impatto agli occhi assetati, il Sulcis Iglesiente.

Vanta una storia addirittura millenaria sviluppatasi intorno alle miniere di Nebida; si narra che intorno al 6000 a.c. La scoperta della preziosa Ossidiana, fu anche utilizzata come merce di scambio con i mitologici Shardana. Ad oggi la parlante testimonianza è tracciata dal lascito storico dei minatori, nel Colosseo di Mare cristallino/ferroso ove sorge la Laveria Lamarmora, e Porto Flavia. Testimonianze museali da esperienza sinestetica pura; impossibile non percepire oltre le pietre frastagliate di Masua, e il “tutt’intorno” di Pan di Zucchero.

Forse proprio questa esperienza sinestetica ha acceso in Francesco Perra, a.k.a. Perry Frank, la passione non solo per la Musica, ma per un genere unico ed eclettico, il Genere Ambient. Natio del Sulcis Iglesiente, il polistrumentista Perry Frank non si è lasciato indottrinare dal detto lamentoso “nessuno è profeta in patria”; seppur riconoscendo le difficoltà fisiche, di chi vive in un Isola e crea con l’Arte; ne ha saputo fare e trarre non un punto, ma mille in suo favore; sino a sviluppare progetti “Ambient Guitar” sposato a questi luoghi, dipingendo visivamente i contorni, raccontando la storia, la tradizione, il mistero, con immagini nei sui video, creando, ricercando e sperimentando avvolgenti sound che non hanno bisogno di parole, e facendo regnare la lingua della sua Anima: l’Ambient.

Scelta coraggiosa, e non tanto per dire. Perry Frank da attento Osservatore ha contribuito a sfatare detti inesatti di lingue deliranti poco informate. Il genere Ambient , infatti, non è musica new age, ne noiosa, ne da addormentati e Addormentamento!

Per i Cuori assettati non solo di meccaniche emozioni, in grado di scoprirsi ad ascoltare e ri-Conoscere questo sound, l’Ambient offre una ricchezza senza euguali.

Non si ascolta ebbasta! Perry Frank comunica una sorta di lealtà, da anima ad anima; Offre qualcosa che accade dentro; e nessun soldo del mondo ne potrebbe ripagare il valore.

Scienza afferma che abbiamo 5 sensi; ci sta. E ci sta che questi cinque sensi coinvolti nell’ascolto Silenzioso, diventano lasciapassare alla Porta della Percezione. Sound. Senza parole.

Ci sono due tipi di Silenzio: il primo, quasi obbliga ad omettere la buonistica omertà, per evitare di debilitarsi; il secondo è per rari alcuni coraggiosi: il “Silentium”. Potente Consapevolezza per zittire parole inutili e demoni, droghe preferite, della sola personalità.

Percepire. Dare spazio al Silentium, è salire di “un ottava-superiore” e accorgersi che i sensi rotolano nel vento di un regnochenonesiste.(…).

Forse è anche per questo che l’Ambient, basic ed anche negli sbocciati nuovi nomi del genere, si avvicina attraversandola, a quella che viene definita “Musica Esoterica”.

Brian Eno coniò il termine “Ambient Music”, negli anni ’70. Ed è curiosa la modalità con cui si ritrovò in un Ascolto al quale non era abituato. Dettaglio assai rilevante, fù un mero errore materiale: degente, a seguito di un incidente, si dedicò ad ascoltare un disco di composizioni per arpa, del XVIII secolo; al suo Attento orecchio non sfuggì che il volume era molto basso, poiché vi era un canale che non funzionava. Degenza che lo costringeva a letto, gli impedì di alzarsi per porre rimedio, e scelse, dunque, di abbandonarsi a uno strano, non abitudinario, ascolto.

Si prodigò con indiscussa abnegazione a creare musiche (anche se non si definiva musicista) d’atmosfera e, saltava di proposito le qualità tecniche, poiché nelle composizioni abitudinarie, tolgono la genuinità e l’imprevedibile interazione con l’ascoltatore. La capacità primaria di questo genere musicale, è che la decisione di ignorarne l’ascolto, o considerarlo interessante, va incontro a numerosi livelli di attenzione:

suoni che, a prescindere, quindi, esistono per “Sentire il Silenzio”.

Sentire e intraprendere il cammino artistico e di scoperta in questo genere di Musica, è indubbiamente, un cammino all’interno di sé. Un viaggio con l’anima(le), verso l’Anima.

Perry Frank, ispirandosi a Brian Eno, ha ingerito la Silenziosa Vibrazione , offrendo al mondo dei concept di suggestiva Bellezza; unica, e da lui creata, composta, sperimentata, in un viaggio che è cominciato dal 2005.

Ha ideato sessioni di musica anche filmate, recandosi nei suggestivi luoghi del Sulcis, ed omaggiato gli antenati di Iglesias (capoluogo del Sulcis), includendo foto d’epoca, in onorevole tuffo nel passato, per ricordare luoghi, persone e memorie; memorie che fanno parte delle nostre radici; (radici a cui molti non danno l’equa importanza-forse perchè non vedono- dove posano i loro piedi).

Lunedì 28 ottobre, dalle 18.30, la PortaD’Ora_Raccont’Arte di Sardegna in Musica_ su Italy Web Radio, acconsentirà a dar Voce a Perry Frank; e sarà dalla Sua bocca che usciranno le parole di Raccont’Arte, per tutti i CuoriVivi in ascolto e per i natii sardi ovunque sparsi nel mondo.

Lodevole, tanto che 110 sarebbe limitativo, imitare la sua Integrità; verso se stesso, la sua Terra natia e la Sua Strada atmosferata nella Musica Ambient.

Perry Frank include sempre scenari di tradizione e Silenziosa Bellezza; patrimonio nel visivo del Suo concept musicale. Umiltà da pochi, l’ha guidato a non schierarsi ed etichettarsi nella seducente fama, di cui, quasi tutti, sono accecati, o af(fama)ti.

Làcanas (Sonus et Umbras de Sardigna) è il suo recente progetto live e visivo; (non si esclude possa offrirci anche un vinile).

Làcanas si scopre in sessioni di “Ambient Guitar” e musica tradizionale sarda, condito di influenze di note che vanno da Femez, sino a Disintegration Loops di Basinski). Un Concept scandito di tempi di la ta ti , onirici, e densi echi d’Ambient.

Làcanas inizia con la festa in abito e musica sarda tradizionale di “Su Ballu Sardu” con organetto e launeddas. La Musica viene rallentata oltre il 400% (secondo la lezione di Fennez), fino a fermarsi in una singola nota, ritrovandosi immersi negli echi e nei riverberi del tempo. Nota intrisa di soundscapes di chitarra elettrica (ispirati da Basinski e Brian Eno). Dettaglio prezioso costituisce la registrazione: rigorosamente su nastro, mixata dal vivo, e filtrata nuovamente da una diversa sequenza di effetti in luoghi suggestivi e poco noti della Sardegna.Quattro i brani: esecuzione del “su passu torrau”, su “ballu tundu”, un recital di launeddas di Luigi Lai unito al brano tradizionale “Procurande e Moderare”, e una personale rilettura di “Non potho reposare”, eseguita nella versione originale dal Coro di Nuoro.

Làcanas porta in seno l’Osare di genialità, mai azzardata sino a prima. Potrebbe considerarsi apripista per altri amanti ambient e tradizioni di Terra natia, che onorano le loro Radici.

Altresì, contribuire ad ampliare la Conoscenza della Musica Ambient, ancora oggi erroneamente poco utilizzata in contesti artistici, educativi, curativi, e in affinamento e perfezionamento della abitudinale capacità d’ascolto.

Essa ha e ha avuto, un potere responsabile d’Ispirazione ed Imita(tio)zione anche sui generi musicali, e ad Artisti che hanno voluto integrarla; solo per citare alcuni: New Order, Pink Floyd, Depeche Mode, Massive Attack, U2. E Perry Frank.

In questa visione, offre al mondo il frutto della sua Passione. Làcanas è un viaggio nel Viaggio dove, anziché emergere, chi Ascolta, diventa parte dello stesso viaggio. Eterno. Senza tempo. Seppur nel tempo.

Ti conduce nel Silenzio, laddove le voci tacciono, e se non tacciono, non possono avere alcun potere. Questo è il Prezioso Dono di questo Genere, come se fosse un Antico Albero, ancor poco apprezzato, che , dagli anni ’70 ad oggi, non ha mai smesso di creare “nuovi rami”. E Làcanas è nelle radici. E nel tronco. E nei Rami. E oltre. In ogniddove.

E

come si ascolta un Albero?

Esattamente con il Cuore nel coraggio di “Stare”. Percepire. Farsi attraversare, dilatare; ingredienti che Perry Frank ci condurrà a sperimentare nel giorno già noto del 22 dicembre c.a., nel capoluogo sardo: Cagliari.

Spettacolo da concedersi in Assoluto.

Dalle radici, alla chioma; e oltre. Oltre i “confini” della Musica.

E forse quel 22, tutti potrebbero Conoscere che

la Musica Ambient è ciò che Senti, quando non stai ascoltando nulla.

Commenti

commenti