Nel mese delle donne ricordiamo Etta Baker

16

Nel mese delle Donne in musica ricordiamo un’altra artista per molti sconosciuta ed è Etta Baker, nome d’arte di Etta Lucille Reid  nata a Caldwell County, 31 marzo 1913 ed è dipartita a  Fairfax, 23 settembre 2006, è era una cantante e chitarrista statunitense, la piu’ importante del Piedmont blues un genere di blues  Le cui  caratteristiche principali sono la tecnica del fingerpicking e l’influenza delle sonorità country e piano ragtime. Soprattutto quest’ultimo viene riprodotto con un complesso sistema di arpeggio che prevede l’uso del pollice per produrre dei bassi alternati regolari  e l’uso delle altre dita per la melodia  caratterizzata da un andamento sincopato.Ma parliamo un po di lei come ho detto Etta Lucille Reid nasce a Caldwell County, nel North Carolina,  e di discendenza afro-americana e nativi americani, portando con sé anche il patrimonio genetico americano europeo.

Impara a suonare il suo primo brano da suo padre Boone Reid, anche lui un musicista navigato nello stile Blues di Piedmont, e anche lui sempre su diversi strumenti.Etta  suona per decenni in oscurità, lontana dalla fama, fino a quando viene inaspettatamente scoperta tramite il padre  dal cantante folk Paul Clayton nel 1956 che viene invitato ad ascoltare Etta mentre suona  “One Dime Blues”, Clayton ne rimase colpito, arrivando a casa Baker con il suo registratore il giorno successivo, per realizzare una prima registrazione di diverse canzoni.

Etta suona  sia chitarre da 6 corde che 12 corde sempre nella chitarra acustica, così come banjo a 5 corde. Baker ha suonato Piedmont blues per 90 anni . Nel 1989, è stata onorata con il premio del patrimonio Folk della Carolina del Nord il prestigioso North Carolina Folk Heritage Award e nel 1991 riceve il premio di Fellowship patrimonio nazionale da parte del National Heritage Fellowship Award from the National Endowment for the Arts, riconoscendola come tra i maggiori esponenti del cosiddetto Piedmont blues.

Negli anni, Baker ha condiviso la sua conoscenza ed esperienza musicale negli Stati Uniti con molti musicisti di fama nazionale ed internazionale, tra cui Bob Dylan, Taj Mahal, e Kenny Wayne Shepherd. Baker ricevette il North Carolina Folk Heritage Award da parte del Consiglio Arts Carolina del Nord nel 1989, il National Endowment for the Arts “National Heritage Fellowship nel 1991, e il North Carolina Award nel 2003. Insieme con la sorella, Cora Phillips, Baker ha ricevuto il Nord Brown-Hudson Folklore Award di Carolina Folklore Society nel 1982.

Baker aveva nove figli, uno dei quali venne ucciso nella guerra del Vietnam nel 1967, lo stesso anno muore anche il marito. Ha vissuto i suoi ultimi giorni a Morganton, North Carolina, e morì all’età di 93 a Fairfax, in Virginia, durante la visita a una figlia che aveva subito un ictus.

 

Nb: fonte di ricerca wikipedia