Album inediti in uscita di un ricco venerdì 17 novembre

24

Contro ogni scaramanzia questo venerdì 17 novembre, ha portato alla luce l’uscita di diversi album, tra cui  “Amore che torni” dei Negroamaro, “Magellano” di Francesco Gabbani, D’amore d’autore di Gianni Morandi, e i Negrita con l’uscita di un brano che anticipando l’uscita del nuovo album nel 2018.

I Negramaro hanno rischiato di sciogliersi. Sono stati due mesi senza parlarsi e senza scriversi, un breve addio che poteva segnare la fine del gruppo. Alla fine, però, si sono ritrovati e questo nuovo album, “Amore che torni”, è la risposta alla crisi attraversata dalla band  negli scorsi mesi.La chiave per comprenderlo è rappresentata proprio dallo scioglimento sventato, ad ascoltare i dodici pezzi contenuti all’interno dell’album si ha la sensazione di vedere i componenti del gruppo che camminano su un ponte sospeso, pronto a crollare da un momento all’altro.

Francesco Gabbani torna a sorprendere i fan con una nuova versione diMagellano. Il suo terzo album torna in una nuova versione. Il doppio cd che contiene il disco originale e il cd live “sudore, fiato, cuore”.  Affermando « È un disco di continuazione. A differenza di “Eternamente ora”, che aveva dentro anche cose più canoniche: l’amore, il sentimento – questo disco è più denso, esprime meglio il connubio fra ritmo e temi seri. Per esempio, in “Pachidermi e pappagalli” si parla di queste manie di complottismo: oggi è tutto un “la Terra è piatta”, e tutti si mettono a ripetere quello che viene detto senza avere alcuna cognizione di ciò di cui si sta parlando. Se uno si ferma a riflettere “è vero siamo così”, sale un po’ la tristezza. Ho scelto Magellano come nome perché affronta certe tematiche per fare un percorso di conoscenza dell’ignoto. L’ignoto fuori di noi e, soprattutto, quello dentro di noi.

Alla soglia dei 73 anni, Gianni Morandi ha presentato a Milano il suo ultimo lavoro il 40esimo album dal titolo “D’amore d’autore”, che contiene 8 inediti scritti per lui da altrettanti cantautori, oltre alla cover di ‘Onda su onda‘ di Paolo Conte, cantata in duetto  con Fiorella Mannoia. Il grande artista afferma “Finito il bellissimo tour con Baglioni mi sono chiesto cosa avrei voluto fare. Mi sembrava giusto avere dei brani nuovi da far ascoltare. Così ho pensato di chiedere dei pezzi a degli autori con cui non avevo mai lavorato. Pensando a Ligabue, che dopo un poco mi ha mandato due pezzi. Ho coinvolto Ivano Fossati, Tommaso Paradiso dei The Giornalisti, Levante, Giuliano Sangiorgi, Elisa, Paolo Simoni ed Ermal Meta, chiedendo a tutti di scrivere dei pezzi che raccontassero “il loro modo di vedere l’amore“. Morandi ama parlare e cantare ancora d’amore, “perché senza amore si sta male, a 20 anni come a 70”, racconta il cantante, da qui nasce il titolo dell’album. Nel 2018 torneranno a suonare dal vivo a Bologna, a Roma e a Milano.

Negrita tornano con un brano inedito dal titolo “ADIOS PARANOIA”, che anticipa il nuovo album atteso agli inizi del prossimo anno. La band afferma “quando entri in una band, sottoscrivi delle regole non dette che saranno l’ABC del tuo futuro. Nei Negrita vige da sempre la regola dei 3\3. Un terzo attitudine, un altro contenuti e l’ultimo, se non il primo, è il sound. Cos’è una band senza un suo sound? Poco o niente. Noi giochiamo da sempre col nostro sound. Lo stropicciamo, lo arricchiamo e lo rinnoviamo. Adios Paranoia non sfugge a questo trattamento. L’abbiamo composta in California, a due passi dal Messico. In quei giorni ci siamo portati dietro problemi e paranoie lasciando l’Italia. Ma è nel sound che si concentra maggiormente il cambiamento. Via la paranoia, ma soprattutto via i vecchi concetti di composizione e arrangiamento. Nel videoclip ci siamo divertiti a girare fra cielo e sabbia, mete e miraggi, fuga ed esplorazione. Torniamo rinnovati, contemporanei e con la voglia di spaccare il domani. È la nostra ricetta per non invecchiare mai.”

Quindi non ci resta che metterci comodi, cuffie e musica nelle orecchie, ubriachiamoci di momenti folli tra queste meravigliose note.

 

 

 

Commenti

commenti