La Star del liscio Raoul Casadei vittima del covid 19

8

Il mondo del liscio annuncia la dipartita del Re del liscio  colui che allietava con la sua musica le grandi serate estive nella riviera romagnola e oltre . Il grande Raoul Casadei  si è spento all’eta’ di 83 anni  il 13/03/2021  all’ospedale Bufalini di Cesena

La Star del Liscio si era contagiato con tutti gli altri famigliari, che si trovano in quarantena fiduciaria a Villamarina di Cesenatico nel “Recinto”, la tenuta dei Casadei. Positivi quattordici componenti su quindici del nucleo: tutti tranne Mirko, l’ultimogenito. Dopo il ricovero del 2 marzo scorso le condizioni di Raoul erano andate aggravandosi progessivamente. Ma diciamo qualche parola su di lui :

Raoul Casadei è nato a  Gatteo il 15 agosto 1937   era un musicista e compositore italiano, famoso per il contributo alla diffusione del ballo liscio.

Raoul Si appassionò di musica all’età di sedici anni, quando lo zio Secondo, direttore della più famosa orchestra di liscio romagnolo (fondata da lui nel 1928), gli regalò una chitarra.

Alla fine degli anni 50 iniziò a partecipare agli spettacoli dell’Orchestra Casadei e dagli anni sessanta, l’Orchestra Casadei diffuse la musica da ballo romagnola in tutta l’Italia eseguendo più di 365 concerti all’anno . Nel 1971, dopo la dipartita dello zio Secondo, Raoul prese in mano la conduzione dell’orchestra con l’obiettivo di far conoscere a livello mondiale il genere musicale del liscio, attraverso i valori della propria terra romagnola.

Negli anni 70 ci fu   il cosiddetto “boom del liscio”. E dal  1973 in poi Raoul scrisse una serie di successi come  Ciao mare ,  SimpatiaLa mazurka di periferiaRomagna e SangioveseRomagna CapitaleTavola grande.  Che portarono L’Orchestra Casadei d sulla cresta dell’onda partecipando cosi a diversi festival e manifestazioni canore oltre ad apparizioni in spot pubblicitari della  Barilla e Biancosarti, film e fotoromanzi; inoltre compose le musiche di sigle televisive per la trasmissione Domenica In del 1977 e per l’edizione del 1991 della trasmissione Stasera mi butto, e di serie tv (Figli miei, vita mia, sigla italiana della telenovela brasiliana omonima).

Nel 1980 si ritirò dal palcoscenico ma continuando  a gestire l’orchestra da dietro le quinte. Nel 1981 inaugurò la motonave “La Nave del Sole”, una balera galleggiante che da quell’anno fino al 1996 trasportò i turisti lungo la riviera romagnola sulle note del liscio. Nel 1997 la motonave venne venduta e nel 2000 Raoul propose alla già famosissima Motonave Tritone (di Cesenatico) di esporre sullo scafo il logo “La Nave del Sole” per mantenere viva la tradizione. Tuttora Tritone “La Nave del Sole” è in partenza dal porto di Cesenatico.

Nel 2001 il figlio Mirko Casadei  prese la direzione dell’orchestra rvuluzionando  tutta l’orchestra e la ribattezza beach band avvicinandosi cosi’ alle nuove generazioni, proponendo i grandi successi Casadei rivisitati.» Il rinnovo dell’orchestra comprendeva sia il cambio di musicisti, sia nuovi arrangiamenti per il repertorio.

Nel 2006  Raul fu uno dei concorrenti alla quarta edizione del reality show televisivo L’isola dei famosi, dove venne eliminato nel corso della terza puntata con il 54% dei voti.

Nel 2013, insieme a Paolo Gambi, scrisse il libro Bastava un grillo per farci sognare, edizioni Piemme e  nel 2016 fu protagonista della serie TV A caccia con Raoul in onda sull’emittente Caccia TV.