Troy (2004)

27

Troy (2004) è un film di grande successo e molto interessante dato che ci porta a conoscere ed approfondire uno dei più grandi poemi epici di tutti i tempi. La storia è infatti ispirata all’Iliade di Omero, dalla quale Wolfgang Petersen (regista) prende spunto sia per la trama che per l’ambientazione.

La vicenda è dunque ambientata nel 1200 a.C. quando tutte le città-stato della Grecia sono sotto il governo di Agamennone, tranne la città di Troia. Dunque Paride ed Ettore, rispettivamente interpretati da Orlando Bloom ed Eric Bana, si recano a Sparta per cercare un punto d’incontro con il re acheo. In realtà avverrà tutto il contrario a causa della fuga di Elena, moglie di Menelao, con Paride: questa sarà la scintilla che farà scoppiare il sanguinoso conflitto tra Sparta e Troia.  I greci sembrano inizialmente avere la meglio grazie ad Achille (Brad Pitt), eroe imbattibile se non per il suo unico punto debole, il tallone. Nonostante questo durante una battaglia Ettore uccide Menelao e Patroclo, cugino di Achille, il quale giurerà vendetta e successivamente non solo ucciderà il nemico, ma farà anche scempio del suo cadavere. Solo a questo punto arriva la vera svolta che darà la vittoria ai greci: Ulisse, re di Itaca, costruisce un enorme cavallo di legno che ingannerà tutti i troiani permettendo ai greci di dare fuoco alla città di Troia, seppure con la morte di Achille causata da una freccia al tallone scagliata da Paride.

Per quanto riguarda invece il cast, abbiamo già nominato importanti figure come Brad Pitt, Orlando Bloom ed Eric Bana. Oltre questi colossi del cinema possiamo trovare Diane Kruger nei panni di Elena, Sean Bean in quelli di Ulisse e Peter O’Toole nel ruolo di Priamo. Dunque questo cast non passa di certo inosservato, bensì presenta attori eccezionali che hanno certamente contribuito alla crescita esponenziale del successo della pellicola. Il successo non è tuttavia casuale e dovuto solo ai nomi, ma è del tutto meritato poiché non si tratta solo di un film molto accurato, ma anche costruttivo e dunque ne consiglio vivamente la visione.