Lutto nel cinema italiano, è morto Ray Lovelock, aveva 67 anni.

73

Lutto nel cinema italiano, è morto Ray Lovelock, aveva 67 anni.

Finisce la vita per un grande del cinema italiano, dopo due anni di sofferenze si è spento Ray Lovelock, famoso attore con spalle una carriera luminosa e felice. Si è spento a Trevi in provincia di Perugia, dove abitava. Il fratello Andrea ha comunicato la triste notizia dopo che negli ultimi mesi le sue condizioni si erano aggravate.

Una carriera iniziata presto, con i fotoromanzi, grazie anche alla sua bellezza, e che negli anni aveva trovato sbocchi diversi. Ultimamente, oltre al cinema e alla tv, l’attore recitava spesso anche a teatro.

Dall’esordio giovanissimo in Banditi a Milano di Carlo Lizzani, Lovelock ha girato moltissimi film e fiction sul grande e piccolo schermo. Tra i più famosi Cassandra Crossing, polizieschi come Uomini si nasce poliziotti si muore e per la tv La Piovra 5 e Caterina e le sue figlie, Incantesimo e Don Matteo.

Il nome e cognome stranieri sono dovuti alla nazionalità inglese del padre. Nel 1967, al diciassettenne Raymond Lovelock, aspirante attore che aveva già lavorato come comparsa e attore fotoromanzi, viene affidata la prima vera parte nel film western Se sei vivo spara. Per il primo lavoro importante deve attendere l’anno successivo, il 1968, quando viene scritturato per Banditi a Milano, diretto da Carlo Lizzani: in questo film, Lovelock interpreta Donato Lopez detto Tuccio, il minorenne della banda che terrorizza la città. Nello stesso periodo, con il vero nome, si dedica all’attività musicale, cantando nel complesso del suo collega Tomas Milian, il Tomas Milian Group, incidendo da solista  e componendo anche alcune canzoni per le colonne sonore dei film Il delitto del diavolo e Uomini si nasce poliziotti si muore, in totale pubblica un Lp nel 1970 e tre 45 giri tra il 1967 e il 1969.

 

Commenti

commenti