ABBRONZATURA

2

PROTEZIONE – La scelta del fattore di protezione di un solare dev’essere fatta in base al proprio fototipo. Chi ha la pelle chiara deve rassegnarsi e pensare a proteggersi o correrà invece il rischio di prendersi una bella scottatura con tanto di danni permanenti all’epidermide. I primi giorni in ogni caso è meglio optare una protezione 50 per passare a una protezione meno elevata, 30 o 20 dalla seconda settimana. Perché si formi la prima melanina infatti bisogna attendere dalle 48 alle 72 ore, in questa fase quindi la pelle è più a rischio. Infine affinché il filtro solare sia efficace è necessario applicare il prodotto almeno mezz’ora prima di prendere il sole e ricordarsi di applicarlo di nuovo ogni due ore e dopo il bagno o la doccia.

ATTENZIONE AI BAMBINI – I bimbi sotto i due anni sono i più indifesi perché i loro melanociti non hanno ancora iniziato a produrre melanina. Prima dei sei mesi non andrebbero mai esposti direttamente al sole. Vanno comunque protetti sempre con solari ad alta protezione, ma anche con indumenti leggeri e cappelli.  L’esposizione al sole ottima e’ sole fra le 8 e le 9 e dopo le 18 per l’attivazione della vitamina D.

DOPOSOLE – Dopo l’esposizione, e dopo la doccia, è indispensabile applicare sul corpo un buon doposole per idratare, rinfrescare e lenire l’epidermide e per mantenere a lungo l’abbronzatura.

ALIMENTAZIONE – Una dieta ricca di vitamine è importante per fornire alla pelle un’idratazione adeguata e contrastare il caldo. Quindi tanta frutta e verdura di stagione. Per favorire l’abbronzatura poi sono perfette carote e albicocche, ricche di Vitamina A (Betacarotene), che stimola la produzione di melanina.

BUON SOLE A TUTTI

Commenti

commenti