PREMIO LETTERARIO VIAREGGIO ECCO I VINCITORI

7

 

Sono Paolo Di Paolo (per la narrativa), Giulio Ferroni (per la saggistica) e Luciano Cecchinel (per la poesia) i vincitori del Premio letterario Viareggio-Rèpaci 2020. Un’edizione, la novantunesima, che ha saputo superare brillantemente non solo le insidie del Covid (la serata conclusiva si è svolta domenica 30 agosto nello scenario inconsueto della Cittadella del Carnevale per garantire, all’aperto, distanze e sicurezza) ma anche rilanciare mediaticamente la kermesse letteraria con una diretta streaming e la presenza, come vincitori dei premi speciali, di ospiti del mondo della cultura, della scienza e delle istituzioni: Natalia Aspesi, Massimo Bray, Franco Gabrielli, Sandro Luporini, Dacia Maraini e Maurizio Serra; oltre a loro, anche la scienziata Ilaria Capua, ma in collegamento dagli Stati Uniti.

Anche stavolta la giuria non ha smentito la storia del premio. E le decisioni sui vincitori delle tre terne finaliste sono state combattute, ispirate alla libertà e autonomia delle scelte rivendicate dal fondatore Leonida Rèpaci e dai successivi presidenti.

I giurati hanno premiato Paolo Di Paolo con il romanzo Lontano dagli occhi  per l’originalità della visione della maternità, attraversata da interrogativi, paure e ripensamenti sulla reale volontà di concepire una nuova vita.  Al secondo posto, dopo il ritiro per motivi di salute di Lorenzo Mondo, si è classificata Romana Petri con, una storia di Jack London nella quale sono le donne dello scrittore (la madre Flora, il primo amore Mabel, la prima moglie Bessie, la seconda moglie Charmian e l’insostituibile sorella Eliza) le vere protagoniste.