LA VITA E IL LAVORO STRAORDINARI DEL LIUTAIO FREEMAN VINES

5

Vi riporto tradotto in italiano l’articolo pubblicato dal SMITHSONIANMAG.COM | 1 settembre 2020, ore 8:00 articolo ricevuto tramite Email  dall’associazione Music maker relief foundation che si occupa delle radici della musica e degli artisti del mondo Blues qui sotto l’articolo integrale :

“Freeman’s Hands” (Timothy Duffy, 2016)

LA VITA E IL LAVORO STRAORDINARI DEL LIUTAIO FREEMAN VINES

Per quasi mezzo secolo, il nativo della Carolina del Nord ha creato strumenti con il legno trovato, inclusi alcuni di un famigerato albero sospeso

DI  TED SCHEINMAN

SMITHSONIANMAG.COM | 1 settembre 2020, ore 8:00

Freeman Vines ha trascorso quasi mezzo secolo a creare le chitarre più distintive d’America. Nessuno ha lo stesso aspetto o suono. Alcune delle chitarre del 78enne sono scolpite per assomigliare a maschere africane; altri partecipano al famoso stile boxy Bo Diddley , e altri non assomigliano a niente quanto la foglia di un albero, o la parte piatta di un remo ben usato. Per i materiali, Vines lavora con il legno recuperato da luoghi improbabili: la tavola armonica di un pianoforte di scarto, il gradino anteriore di un vecchio fienile di tabacco, la tavola di un mulo. Vines è in missione. Sta cercando di costruire una chitarra con un suono stranamente perfetto che ha sentito per la prima volta da giovane e che non è stato in grado di estrarre da nessuna delle dozzine di chitarre che ha realizzato.

“E ‘un tono in cui si diventa parte del suono-it si trasforma in una parte della musica, come una corda vibrante,” mi dice durante una chiamata Zoom dalla sua casa, che condivide con un numero imprecisato di cani e chitarre , nella Carolina del Nord orientale, la stessa area in cui la sua famiglia ha vissuto da quando sono stati ridotti in schiavitù.

Nb: L’articolo e tratto tradotto integramente  dal SMITHSONIANMAG.COM | 1 settembre 2020, ore 8:00 compresa la foto .