GhostWriter Racconto VII Sinestesia

476

Mai sottovalutare
Le cuffie piene di musica.
Quella che scegli per tappare orecchie.
Quella che ti fa chiudere gli occhi.
E tutto si zittisce.
Gelosamente tutta per te.
Out al mondo.
Si allenta il soffocare
accogliendo venia dell’anima.
Ti ricordi di Te.
Ti prende così quella giostra di musica, attraversandoti il sangue che pulsa, quasi fastidioso.
Di gioia o tristezza, resti inchiodata lì.
Come una parola tagliata a metà.
Senza tempo.
Poco importa se non vuoi e
gli occhi si aprono. Il corpo ti rapisce ancora. Ti fa respirare e batte ancora. Forte .
Usati

se c’è qualcosa da dire.
Non tanto per dire qualcosa.