GoticAnastasya_Misteri su Edimburgo_

41

EDIMBURGO: Leggende, Misteri e Fantasmi. Raccontiamola…

 

Misteriosa ed enigmatica, circondata da innumerevoli leggende e storie, la capitale scozzese è tutt’oggi un luogo in cui si tramandano tantissimi racconti che trasmettono un senso di oscura inquietudine.

Immersa nel suo fascino cupo e malinconico, nasconde molti segreti di streghe, atroci omicidi, fantasmi e apparizioni spettrali tra i più misteriosi di sempre…

Ve ne racconto qualcuno. Ma, siete preparati a queste esperienze Gotiche Dark?

Iniziamo questo viaggio, accompagnati dai Gregorian…

L’APERTURA DELLE CRIPTE DEL SOUTH BRIDGE

    Il South Bridge è il secondo ponte della città di Edimburgo, costruita per collegare la strada principale della Città Vecchia, con gli edifici universitari sul lato sud della città.

Nelle diciannove arcate del ponte, nell’Edimburgo del diciottesimo secolo, vennero costruite una serie di cripte e corridoi sotterranei, per essere precisi, 120 cripte e corridoi conosciuti o, chiamati, le Edwards Vault.

Questo intricato labirinto di cunicoli bui, umidi e camere, che si estendevano per diversi piani, hanno ospitato, per decenni, taverne, magazzini e botteghe artigiane. Si racconta anche che lì sotto, gli assassini Burke e Hare, andassero a caccia delle loro vittime.

Quale luogo più adatto?

Nel tempo vennero abbandonate per mancanza di servizi igienico-sanitari e luce. Malgrado fu scoperto più tardi, che alcuni del ceto povero della città vi si erano stabiliti, vivendo in una condizione precaria, senza luce, acqua o ventilazione.

Grazie all’atmosfera inquietante di questi spazi umidi e angusti, non ci sarebbe da meravigliarsi che siano stati segnalati anche eventi paranormali.

Come ad esempio, così si racconta, che un bambino di nome “Jack”, piuttosto spettrale, afferri le mani dei visitatori e che il più minaccioso “Mr. Boots” lanci addirittura delle pietre alle persone.

Altri dicono che il rumore degli stivali col tacco di Mr. Boots, rimbombano sul ciottolato assieme al riecheggiare della sua voce attraverso i tunnel.

Eppure, malgrado tutto ciò, le visite sono molto popolari e vengono pure organizzate delle manifestazioni per ospitare eventi privati, matrimoni e musica dal vivo.

Oggi, delle diciannove arcate, ne è visibile solo quella su Cowgate. Purtroppo, le altre, assieme alle cripte, risultano integrate fra diversi edifici della città.

Comunque, per chi volesse provare il brivido di quelle profondità, è possibile visitare questo mondo sotterraneo con un tour organizzato.

-Bè, che dire: ovviamente la maggior parte delle storie di Edimburgo fanno riflettere, tipo se è il caso o meno di farsi questo bel viaggio per vivere in prima persona tali emozioni. Io sono una temeraria, non vi nascondo che la cosa mi intriga tantissimo-.

Ma andiamo avanti al prossimo racconto…

MACKENZIE, IL FANTASMA MALVAGIO DEL CIMITERO DI GREYFRIARS

    A dirla tutta, tra strade di ciottoli, antiche cattedrali e storici edifici, la storia commovente del cucciolo Bobby, che dopo la morte del padrone ha vegliato sulla sua tomba per quattordici anni, convive con tanti altri racconti macabri.

Leggenda vuole che si possa anche incontrare uno dei fantasmi più malvagi all’interno del cimitero di Greyfriars Kirkyard. In effetti, esso ha sempre avuto un ruolo chiave nella storia e nelle leggende di Edimburgo.

Ma, è proprio un angolo del suddetto cimitero che, pare, sia il luogo più infestato di tutta la città. Si tratta della nota area chiamata “Carcere dei Covenanters” tutti membri di un movimento religioso dove, nel 1979, dopo la battaglia di Bothwell Bridge, vennero rinchiusi più di un migliaio di prigionieri.

L’avvocato che seguiva molti di loro, Sir Mackenzie, pare fosse l’uomo che imprigionò oltre milleduecento Covenanters, nella stessa prigione adiacente al cimitero di Greyfriars. Molti di loro morirono in cattività, altri vennero giustiziati e solo alcuni vennero rilasciati. Ma il modo crudele e sanguinario con cui torturò ed uccise i malcapitati, gli valse il nome di “Bloody Mackenzie”, -Mackenzie il sanguinario-.

Secondo gli esperti del paranormale, è proprio il fantasma di Mackenzie il più celebre e pericoloso della città. La sua tomba, denominata The Black Mausoleum, -il mausoleo nero-, freddo e scuro si erge a pochi passi dalla prigione, come a voler intimorire i ribelli anche dopo la morte, una persecuzione insaziabile. Negli ultimi anni le sue manifestazioni hanno avuto un aumento, diventando decisamente inquietanti.

Tutto ebbe inizio nel 1999, in una delle classiche brutte, buie e tempestose notti, in cui solitamente la maggior parte degli scrittori dà inizio all’incipit della propria storia dark:

Un vagabondo cercava rifugio nel mausoleo del cimitero di Greyfriars, ma a causa della tempesta, a causa del pavimento cedevole, cadde dentro un cumulo di ossa rimanendone imprigionato.

Raccontò che esse lo stringevano come animate da una forza misteriosa, impedendogli ogni via di fuga.

Da quel momento, una serie incessante di eventi paranormali tra i visitatori riecheggiò tra le vie ampliando ulteriormente la paura ma anche la curiosità.

Svenimenti, ferite inspiegabili, tagli, ustioni, morsi e persino figure fantasmagoriche, oltre che rumori spettrali, insomma, chi più ne ha più ne metta.

Il reverendo Colin Grant, esorcista di Edimburgo, nel 2000 fu incaricato di eseguire un esorcismo all’interno del cimitero, nel tentativo di riportare la pace in questo luogo sacro ma, la sua testimonianza spiazzò molta gente…

Disse: “Le forze maligne presenti sono troppo potenti, io temo per la mia vita!” pochi giorni dopo, il reverendo Colin morì in circostanze misteriose. Sul suo corpo furono rinvenuti molti segni ignoti.

Il Consiglio di Edimburgo decise di chiudere quella parte del cimitero pubblico, a causa di tali episodi. Per poterla visitare tutt’oggi necessita la richiesta al Comune della città per uno speciale permesso.

Negli anni, pare che il sanguinario Mackenzie, oramai classificato come il poltergeist di Greyfriars, abbia attaccato oltre 450 persone.

Suggestione di massa? Ciò che è certo è che Mackenzie è uno degli eventi paranormali più documentati a Edimburgo.

Anastasya