Almanacco_Potrei ingannare il corpo. Ma potrei fare altrettanto al cuore, con un’anima diversa?

66

Fondamentalmente, chiunque può interferire con i nostri sensi, suscitare processi chimici nei nostri corpi, ma non con le nostre anime: esse vanno per altri canali, sono toste da circuire e l’enorme differenza che portano nelle nostre vite, bé, direi che è ampiamente recepita.

Capita, molto spesso, che non sempre siamo a nostro agio in certi rapporti fisici e quindi ci sentiamo liberi di andarcene, certi di non danneggiare almeno i nostri sentimenti o ferire i nostri cuori. Ma quando si ha a che fare con l’anima… non c’è nulla da fare, non possiamo mentire a noi stessi, perché percepiamo che la nostra è un’esistenza alla continua ricerca di qualcuno che ci completi, che porti gioia pura nelle nostre vite.

Sono certa che molti di voi, almeno una volta nella vita, si è confrontato con il pensiero della reincarnazione.

Già, quel rivivere delle vite dove magari non si è mai uguali, neanche sai chi sei, quelle dove vai a cozzare con situazioni che ti sembrano già viste, insomma dei Déjà-vu (alterazioni dei ricordi), che già di per sé, anche solo questo termine, mi da la misura di un qualcosa di vissuto antecedentemente ai miei ricordi. Ma vi siete mai soffermati a capire veramente il perché, di queste rinascite? Vi siete mai chiesti cosa potrebbe modificare questo ripetersi?

Ad esse potremo attribuirle diverse interpretazioni del tipo: si ricomincia per fare nuove esperienze, cose da imparare, o anche fare il giusto percorso per ricongiungerci con la parte mancante di noi stessi, l’anima.

Tutte cose belle, certo! Ma quando siamo davanti all’anima che era destinata a noi, che visione avremo in quel caso dell’amore e della vita?

Sicuramente avremo una maggiore chiarezza, i nostri occhi si apriranno come mai hanno fatto fino a quel momento. I nostri cuori ci regaleranno la capacità di non essere più ingannati perché certi dell’anima che ci affianca, perché sarà l’unica che ci farà provare una tale felicità e completezza, che tutto il resto diventa inutile.

Per questo aggiungo che: nella vita le esperienze potrebbero portarci a non riconoscere le opportunità che si incrociano lungo il nostro percorso, spesso esse sono strade corte che ci aiutano ad avvicinarci più in fretta alla propria parte mancante, altre volte potrebbero allungarsi ma giusto per farci fare un percorso più sereno. Ogni esperienza è positiva, qualsiasi forma essa acquisisca.

E’ una sensazione strana che ci fa vedere quella persona come se già l’avessimo conosciuta in passato. Come provare affetto per qualcuno che sai di non conoscere. Ci risulta molto facile aprirci con lui/lei come se ci fosse un rapporto confidenziale e di fiducia, di vecchia data. Questo non capita a tutte le anime gemelle, perché le persone che hanno sofferto troppo nella vita e che si sono chiuse a riccio, hanno difficoltà a percepire certi segnali, ma prima o poi li sente. Anche questo deve capitare ad entrambi nella coppia, per essere certi di essere anime gemelle.

E se qualcuno vi dice: Io posso circuire il cuore così come il corpo… lasciatelo dire, perché vuol significare che quella persona, non ha ancora scoperto di avere un’anima.

Quindi, fino ad allora, viviamo senza cercare di ingannare il cuore con un’altra anima, aspettiamo la nostra, perché tanto arriverà…

Anastasya